La zona franca urbana di Ventimiglia è nata sotto l’amministrazione Scullino

zfu La zona franca urbana di Ventimiglia è una realtà che da anni aspetta di essere lanciata con un semplice decreto e una circolare ministeriale. In questi anni sono realmente partite molte zone franche urbane, le ultime sono quelle delle zone colpite dall’alluvione del gennaio 2014 e dai recenti terremoti. Siamo in attesa di conoscere come funzionerà quella di Ventimiglia.

In alcune zone franche, ad esempio, le agevolazioni sono solo fiscali e rivolte alle microimprese esistenti ad un a certa data che operano con determinati requisiti all’interno del perimetro della zona. Per Ventimiglia la perimetrazione è quella varata, sulla base dei rigidi requisiti ministeriali per le zone sottosviluppate, dall’Amministrazione Scullino, nel lontano 2009, che aveva subito intuito la grande opportunità di una zona franca urbana a Ventimiglia. Continua a leggere

Con Aidda la Zona franca di Ventimiglia torna sulla rampa di lancio

zfu

La presidente Claudia Torlasco con le collaboratrici del ponente ligure ha ottenuto incontri tesi a risolvere gli ostacoli che bloccavano la procedura.

Il Decreto ministeriale è ora all’esame della Corte dei Conti per la registrazione; successivamente alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale verranno rese note modalità e termini per l’accesso alle agevolazioni alle imprese e ai professionisti che intendono svolgere la loro attività nella Zona franca.

Continua a leggere

I burocrati “maledetti”, gli untori di professione e le Sentenze.

consiglio di statoL’altro ieri si è tenuta una conferenza stampa del Sig. Abbondanza. Non ha partecipato quasi nessuno, come spesso accade sia per disinteresse generale sia perché alle 11 di mattina la Gente normale lavora. A scanso di equivoci e per evitare sterili strumentalizzazioni diciamo subito che siamo a favore di qualsiasi iniziativa che sia contro le mafie. La mafia va combattuta in tutte le sue forme. Due sentenze penali (quella di Imperia e, in appello, quella di Genova) hanno riconosciuto esistere la presenza di un’associazione di stampo mafioso nell’estremo Ponente. Per carità esiste ancora la possibilità di un terzo grado (La Cassazione) ma a tutt’oggi questo hanno detto le due sentenze penali. Le stesse sentenze hanno però anche detto che la politica era estranea ad ogni forma di infiltrazione o condizionamento. Non credo che neanche il Sig. Abbondanza possa prendere per buone le due sentenze ove fanno lui piacere e considerarle non valide ove a lui non piacciano! Le sentenze sono sentenze e vanno rispettate e certamente valgono molto, ma molto, di più di quello che sostiene il Sig. Abbondanza. Continua a leggere

La Fondazione Chiappori rinnova il consiglio di amministrazione

La Fondazione Chiappori rinnova il suo consiglio di amministrazione, esce Nello Genovese, entra Claudio Berlengiero. Invariato il ruolo di Don Luca Salomone.

fondazione chiapporiNel 2011 assunta la presidenza – ha spiegato il Presidente uscente Nello Genovesela situazione si presentava critica sui terreni della sicurezza, igiene, assistenza e di gestione-organizzazione del personale. Da subito si sono introdotte migliorie per adeguare la residenza sanitaria, da un lato con investimenti sul materiale in utilizzo e con l’acquisto di nuovo mobilio e dall’altro riqualificando tutto il personale da osa ad operatore socio sanitario come richiesto dalla normativa regionale. Ho messo da parte mia una dedizione e un impegno quotidiani e costanti”. Continua a leggere

Depenalizzazione di reati: un elenco che potrebbe far paura.

depenalizzazioneCon la depenalizzazione dei reati minori si rischia che le persone inizino davvero a farsi giustizia da sé, si potrebbe rivelare una minore legalità. Per carità alcune depenalizzazioni sono anche accettabili per i reati desueti o anacronistici ma molte di esse spaventano. Sono la risposta di uno Stato che non riuscendo a dare i servizi necessari, il servizio della giustizia con processi rapidi, sceglie la strada della depenalizzazione. Come dire …… intanto non riesco a punire prima della prescrizione del reato e ….  quindi elimino il reato. Continua a leggere

Incredibile! Cancro al cervello e leucemia sconfitti da una proteina dell’HIV

virusIeri ho seguito una trasmissione televisiva impressionante. Negli Stati Uniti dopo alcune sperimentazioni sull’uomo, il cancro è stato curato. Non ho la preparazione medica necessaria, né voglio dare false illusioni ma la trasmissione era chiara. Iniettando il virus dell’HIV rielaborato si è sconfitto il cancro al cervello in un caso e la leucemia in altri casi. La caratteristica di tutti i virus, e dell’HIV in particolare, è di essere capaci di entrare nelle cellule dell’organismo e di depositare nel loro nucleo materiale genetico in grado di alterarne il funzionamento. I ricercatori hanno isolato la proteina virale che conferisce all’HIV la capacità di entrare nelle cellule e l’hanno accoppiata con una molecola capace di bloccare il gene fondamentale per la crescita e la diffusione dei tumori. Continua a leggere

La Zona franca urbana

zfuLa zona franca urbana di Ventimiglia è una realtà che da anni aspetta di essere lanciata con un semplice decreto e una circolare ministeriale. In questi anni sono realmente partite molte zone franche urbane, l’ultima credo sia quella delle zone dell’Emilia colpite dall’alluvione del gennaio 2014 e dal sisma del 2012. La circolare che chiarisce il suo funzionamento è uscita solo ieri. Dalla sua analisi possiamo capire come potrebbe funzionare anche quella di Ventimiglia. Continua a leggere

Io ti diseredo, non si può dire.

TESTAMENTO OLOGRAFO

TESTAMENTO OLOGRAFO

A differenza di quello che siamo abituati a vedere in qualche film americano, in Italia non si può diseredare un figlio o il coniuge. La legge italiana protegge i congiunti più stretti (per esempio il coniuge e i figli), limitando la libertà di disporre con il proprio testamento: nella successione testamentaria infatti una parte del patrimonio deve essere “riservata” a determinate persone (dette “riservatari” o “legittimari”), anche se ciò è contrario alla volontà espressa dal testatore.

Se si vuole “punire” i congiunti più stretti lo si può fare solo entro certi limiti,  vi è quindi solo una “quota disponibile” che può quindi essere definita quella parte del patrimonio caduto in successione della quale il testatore può liberamente disporre, senza alcun vincolo. Continua a leggere

Famiglia di fatto – convivenza “more uxorio”

famiglia di fattoAccanto alla famiglia tradizionale, fondata sul matrimonio, si sono sviluppati negli ultimi trent’anni, soprattutto dopo l’approvazione della legge sul divorzio, altri modi di fare famiglia. Molte coppie decidono infatti di convivere, senza sposarsi, o per libera scelta o perché uno o entrambi i componenti vengono da un’esperienza matrimoniale precedente. Si formano in questo modo le cosiddette famiglie di fatto.

Continua a leggere